Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il bando

Formazione, la Provincia sostiene le pmi

L'ente di viale Martiri della Libertà ha approvato un bando che prevede l'utilizzo di risorse del Fondo sociale europeo per oltre 2 milioni e 160 mila euro

Un piano per favorire lo sviluppo delle piccole e medie imprese attraverso la formazione continua in azienda, con azioni specifiche per il sostegno ai processi di innovazione tecnologica e organizzativa, interventi per favorire il ricambio generazionale e l'introduzione, per la prima volta, di opportunità formative anche per persone occupate con contratti di lavoro non subordinato, in particolare partite iva e cocopro e cococo.

Sono le caratteristiche del bando approvato nelle scorse settimane dalla Provincia di Modena che prevede l'utilizzo di risorse del Fondo sociale europeo per oltre due milioni e 160 mila euro. La prima scadenza per la presentazione dei progetti da parte degli enti di formazione è fissata a giovedì 7 ottobre.

«Grazie a questi interventi», spiega Francesco Ori, assessore provinciale alla Formazione e al lavoro, «già da ottobre molte piccole e medie imprese che hanno l'esigenza di migliorare la competitività per reggere alle difficoltà della crisi potranno mettere in campo decine di interventi formativi per i propri dipendenti, sia per riqualificare figure professionali non più adeguate sia per sostenere processi di innovazione e diversificazione».

In questo quadro si inserisce la novità dell'opportunità offerta anche ai lavoratori non subordinati. «È un intervento a carattere sperimentale», aggiunge Ori, «che abbiamo definito attraverso un confronto con il Cup, il Comitato unitario delle professioni, e le categorie economiche per consentire anche ai lavoratori autonomi e parasubordinati, che stanno subendo forti impatti negativi dalla crisi economica, di accedere ad azioni formative per migliorare le competenze e le conoscenze acquisite e renderle maggiormente spendibili e riconoscibili nel mercato del lavoro».

Le azioni complessivamente previste nel bando sono sette. La scadenza del 7 ottobre riguarda i piani formativi aziendali (un milione di euro), la formazione continua a sostegno dell'adattabilità dei lavoratori (321 mila euro), i processi di innovazione (150 mila euro), il ricambio generazionale (100 mila euro), i lavoratori non subordinati (200 mila euro).

È fissata al 3 novembre, invece, la scadenza per alcuni progetti di formazione continua (54 mila euro) e per un'azione riservata alle donne (336 mila euro) che «è particolarmente significativa perché, applicando strumenti di conciliazione tra tempi di vita e di lavoro, consentirà loro di partecipare a percorsi formativi grazie a riduzioni dell'orario lavorativo».

(02 settembre 2010)
Argomenti: Enti locali