Confindustria Modena
Stampa l'articolo

Ferrari all'asta per Haiti

È di 601 mila dollari la cifra che la Ferrari ha raccolto in favore della popolazione di Haiti colpita dal terremoto. Alla serata di gala, tenutasi a Los Angeles, è stato battuto all'asta per 530 mila dollari (390 mila euro) la prima vettura dell'azienda di Maranello importata negli Stati Uniti. Oltre alla vettura è andata all'asta anche la divisa ufficiale del pilota Fernando Alonso venduta per 31 mila dollari.

La Ferrari 458 Italia battuta all'astaDurante la serata, il dipartimento di Ortopedia e chirurgia della mano dell'Università di Modena, che ha un rapporto di lunga data con la Ferrari, ha annunciato che renderà disponibili le proprie risorse e competenze per aiutare il Catholic Medical Mission Board di Haiti. In particolare, l'equipe del dottor Landi, specializzata in chirurgia della mano e microchirurgia, parteciperà all'addestramento della comunità medica locale, in collaborazione con la vasta rete di supporto medico del Cmmb.

All'evento di beneficienza erano presenti anche Piero Ferrari e Amedeo Felisa, rispettivamente vicepresidente e amministratore delegato di Ferrari, insieme a Marco Mattiacci, amministratore delegato di Ferrari North America.

L'asta della prima Ferrari 458 Italia nel Nord America è stata condotta da Dan Neil, giornalista automotive del Wall Street Journal e vincitore del premio Pulitzer.

(29 marzo 2010)