Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
energia

Elettromeccanica Tironi, per Terna trasformatore a prova di corto circuito

Presso il laboratorio Kema di Arnhem, in Olanda, è stata effettuata con esito positivo la prova di tenuta al corto circuito del prototipo da 250 MVA - 230/135 kV

Presso il laboratorio Kema di Arnhem, in Olanda, è stata effettuata con esito positivo la prova di tenuta al corto circuito del prototipo di un autotrasformatore da 250 MVA - 230/135 kV per la Terna Spa (l'operatore di reti per la trasmissione dell'energia elettrica guidato da Luigi Roth e Flavio Cattaneo).

Si tratta di una prova speciale che è in assoluto la più gravosa tra tutte quelle a cui si possono sottoporre le apparecchiature elettromeccaniche, in particolare per questo particolare tipo di autotrasformatore.

La costruzione di una macchina che sopporti senza danni le correnti di corto circuito a cui è stata effettuata la prova (13,6 kA di picco sul lato Alta tensione) è infatti tra le più impegnative da realizzare tra tutti i tipi possibili utilizzati da Terna.

Si è così compiuto il passo più importante verso la certificazione del prodotto Etm secondo lo standard Terna, processo che sarà formalmente completato nei primi mesi del 2011 a seguito delle ultime verifiche al rientro dell'autotrasformatore in Italia, portando Elettromeccanica Tironi a essere annoverata nel ristretto numero di produttori di autotrasformatori di grandissima potenza.

«È con grande soddisfazione che annuncio il superamento della prova più impegnativa mai sopportata da un prodotto Tironi», sottolinea il presidente della società Maurizio Tironi.

«Tanti altri nostri trasformatori hanno superato in questi 50 anni la prova di corto circuito, ma a detta di molti, così come ci riconosce anche Terna, è veramente raro dover provare trasformatori che possano essere sollecitati da questa prova ancor di più. Dopo tanti studi, ricerche e ore di fabbricazione e miglioramento di un progetto così importante è finalmente stato superato lo scoglio più difficile. Ora attendiamo solo le ultime verifiche per l'ottenimento della certificazione Terna».

(17 dicembre 2010)
Argomenti: Metalmeccanico