Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
bilancio 2010

Ed Hera fa contento il territorio

A Modena la ricchezza complessivamente distribuita dalla multiutility è stata pari a oltre 142 milioni di euro

Maurizio Chiarini

A livello locale, l’impatto delle attività del Gruppo si traduce in cifre significative: nel 2010, nei 33 comuni serviti, la struttura Hera di Modena ha complessivamente distribuito ai suoi principali interlocutori sul territorio (azionisti, lavoratori, pubblica amministrazione, comunità locale) un valore aggiunto pari a circa 87 milioni di euro, considerando inoltre il valore economico delle forniture da aziende del territorio, la ricchezza complessivamente distribuita è stata pari a oltre 142 milioni.

Di questi, circa 15,5 milioni sono stati distribuiti ai soci pubblici e privati residenti nel territorio a titolo di utili. 55,5 milioni di euro sono invece andati alle 1.075 aziende con sede nel territorio di Modena e fornitrici di Hera.

Inoltre, sempre nel 2010, gli investimenti operativi sono stai pari a 32,8 milioni di euro, di cui il 45 per cento dedicati all'ulteriore sviluppo e della qualità del servizio del ciclo idrico integrato. In particolare, con riferimento a questo settore e in base ai dati 2009, Hera risulta la seconda società con l’indice di investimento più elevato (420 euro ogni 1.000 mc di acqua fatturata) tra le maggiori utility italiane.

«Queste iniziative e le tante altre che abbiamo messo in campo negli ultimi anni», spiega Maurizio Chiarini, amministratore delegato di Hera, «ci portano a dire che nella strategia di Hera la creazione di valore economico per gli azionisti è connessa al progresso economico e sociale del territorio in cui l’azienda opera».

(21 aprile 2011)
Argomenti: Terziario