Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
Il rapporto

Chiuse a Modena
429 imprese nel primo trimestre 2009

Calo, ma inferiore al previsto, delle aziende modenesi nel primo trimestre dell’anno. Tra i settori economici tengono l’industria alimentare e i servizi

È un momento di attesa e cambiamento dovuto principalmente, ma non solo, alla crisi economica quello che stanno vivendo le imprese modenesi nel primo trimestre del 2009. Ma se la preoccupazione maggiore era che la recessione facesse scemare l’impegno dell’imprenditoria locale, i dati della rilevazione periodica Movimprese, realizzata da Infocamere e presentata dalla Camera di Commercio di Modena, mostrano una realtà meno drammatica.

Nel primo trimestre del 2009, secondo i dati dell’indagine, sono 75.182 le aziende modenesi iscritte al Registro delle imprese, con un saldo negativo, tra iscrizioni e cessazioni, di 429 imprese rispetto allo stesso periodo del 2008. Un dato significativo, ma che la stessa Camera di Commercio tiene a inserire in un preciso contesto: «La natalità e mortalità delle iscrizioni di attività nell’economia locale», spiega una nota dell’ente camerale, «ha un andamento fisiologico, al di là delle situazioni di boom o di crisi: tendenzialmente, infatti le cancellazioni di imprese si concentrano nell’ultimo e nel primo trimestre di ogni anno. Questi mesi quindi, per le caratteristiche del mercato, presentano sempre un saldo negativo».

Ad oggi, su tutto il territorio provinciale, risultano iscritte al registro delle imprese 1.603 aziende (contro le 1.683 dei primi tre mesi del 2008) mentre le cessazioni di attività sono state 2.032 (2.093 nel primo trimestre 2008). Più che una rinuncia, si nota piuttosto la tendenza, da parte di chi intende avviare una nuova attività, a rimandare nell’attesa di tempi migliori, ma l’incertezza economica non ha portato al temuto aumento di cessazioni delle attività economiche: chi è sul mercato fa di tutto per rimanerci e consolidare la propria posizione.

Dall’indagine emerge che le conseguenze più rilevanti della crisi economica hanno riguardato, per ora, più che il numero la tipologia delle aziende presenti sul territorio locale: infatti, per quanto riguarda la forma giuridica scelta dalle imprese modenesi, nel primo trimestre 2009 sono aumentate del 2,5 per cento le società di capitali rispetto al 2008 (14.797 imprese al 31 marzo 2009) mentre le società di persone, con 14.990 unità, hanno segnato un -1,5 per cento.

Del calo di imprese hanno subito le conseguenze quasi tutti i settori economici del territorio provinciale, ad eccezion fatta per l’industria alimentare, che tiene con un +0,9 per cento, e per i pubblici esercizi e servizi, con un aumento rispettivamente dell’1 per cento e dello 0,2 per cento.

Peggiora il dato relativo ai trasporti e alla comunicazione che segna un -3,9 per cento come pure quello sul manifatturiero -1,1 per cento, mentre ci sono segnali di ripresa per il settore della fabbricazione di macchine e apparati meccanici (+3,4 per cento) e per quello dell’editoria e stampa che segna un +2,6 per cento.

Dopo due trimestri positivi tornano con il segno meno le industrie tessili, con un calo dell’1,4 per cento per quanto riguarda le imprese attive e un saldo negativo tra iscritte e cessate.

L'agricoltura prosegue con dinamiche in flessione sia per quanto riguarda le attività (-2,3 per cento), sia per quanto riguarda il saldo tra iscritte e cessate (-131 unità).

(26 aprile 2009)
Argomenti: Enti locali