Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
spinner 2013

Due imprese modenesi sul podio di Start Cup

RSens e Volta Electronics si sono aggiudicate il primo e terzo posto nell'edizione 2010 della competizione che premia le migliori idee di impresa innovative nate in Emilia Romagna

Sensori innovativi per la misurazione di gas radon e telecamere ad energia solare. Queste le idee vincenti di Rsens e Volta Electronics, le imprese modenesi che hanno ottenuto il primo e terzo posto alla StartCup-Spinner 2013, la competizione regionale che premia le migliori idee di impresa innovative a base tecnologica, nate in Emilia-Romagna e generate dal mondo della ricerca pubblica.

Dopo quattro mesi di studio e di lavoro, 38 idee partecipanti, 27 business plan finalisti, tre progetti di idee imprese sono arrivati sul podio, assicurandosi la partecipazione al Premio nazionale per l'Innovazione, la finale nazionale, che si terrà a Palermo il prossimo dicembre.

I vincitori dell'edizione 2010, che per la prima volta ha riunito le Start Cup regionali di Bologna, di Modena e Reggio Emilia e Spinner 2013, sono stati proclamati questa mattina nella Sala dei Cento della Carisbo di Bologna.

«A differenza degli altri anni», spiega Gianni Lorenzoni, presidente di PNICube e del Comitato scientifico di Start Cup-Spinner 2013, «la selezione 2010 è avvenuta su base regionale. Questo ha significato poter coinvolgere un maggior numero di persone e avere uno sguardo d'insieme sulla vivacità delle idee che si sviluppano nella nostra Regione. Inoltre, in un momento in cui ovunque c'è estrema confusione, valuto molto positivamente la collaborazione tra PNICube ed Aster che, grazie ad una grande capacità di allinearsi, hanno saputo rappresentare un punto di riferimento solido a cui i partecipanti hanno potuto appoggiarsi».

«I ragazzi che premiamo oggi», afferma Paolo Bonaretti, presidente di Spinner 2013, «sono la dimostrazione migliore di come anche in questo momento complesso e comunque difficile per l'economia nella nostra regione esistano le risorse professionali e umane per ripartire. Queste nuove imprese sono una buona notizia in sé ma ancor più per il potenziale d'innovazione che porteranno nel tessuto produttivo locale e per gli stimoli e le occasioni che potranno sicuramente offrire anche alle imprese tradizionali e consolidate».

(28 ottobre 2010)
Argomenti: Enti locali