Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
il premio

Due bollini rosa per l'ospedale di Sassuolo

L’Osservatorio nazionale sulla salute della Donna premia il nosocomio sassolese, inserito per la seconda volta nella classifica dei 224 ospedali italiani che si distinguono per un’attenzione particolare alle donne

Anselmo CampagnaSassuolo ha un ospedale "a misura di donna". A certificarlo, con il titolo di "Ospedale di riferimento a livello nazionale per le malattie femminili", è l’Osservatorio nazionale sulla salute della Donna (Onda). Il riconoscimento è riservato ai nosocomi che hanno scelto di aderire all’iniziativa, promossa per sensibilizzare opinione pubblica e sistema sanitario sul tema della salute al femminile, e che hanno dimostrato di distinguersi proprio per il loro grado di attenzione nei confronti delle donne ricoverate.

Il nuovo Ospedale civile di Sassuolo ha ottenuto, per l’anno 2012, due "bollini rosa". «È un risultato che ci gratifica e che ci stimola a migliorare ancora. Si evidenzia l’impegno della direzione nel potenziare strutture e tecnologie destinate alla diagnosi e trattamento delle patologie femminili. In particolare è in fase di studio il potenziamento della senologia clinica con l’acquisizione di un nuovo mammografo digitale. Scelta condivisa e concertata anche con l’Azienda Usl di Modena per favorire sviluppi nel campo degli screening», ha sottolineato Anselmo Campagna, direttore sanitario del nosocomio sassolese.

In totale sono 224 gli ospedali "a misura di donna" in Italia: quest’anno solo a 48 sono stati assegnati i 3 "bollini rosa", altre 113 strutture hanno ricevuto invece 2 bollini (e in questa fascia si piazza anche Sassuolo) mentre 63 ospedali hanno ottenuto un solo bollino. La struttura sassolese, oltre a ricevere una targa, sarà inserita nella guida "Bollini rosa-gli ospedali vicini alle donne", realizzata da Onda e da Il Sole 24 Ore, che raccoglie tutte le strutture premiate dal 2008 a oggi. I contenuti della guida saranno disponibili anche sul sito www.ondaosservatorio.it.

Tra i fiori all’occhiello dell'ospedale di Sassuolo spicca l’Unità operativa di Ostetricia e Ginecologia diretta da Giuseppe Ghirardini. Il reparto svolge una ruolo essenziale per la popolazione femminile del Distretto. Assicura attività nel campo della diagnosi e della terapia delle patologie ginecologiche benigne e oncologiche, delle patologie uro-ginecologiche, dell’infertilità e sterilità della coppia, percorsi dedicati all’infanzia e all’adolescenza. Ed è un vero e proprio "centro di eccellenza" per la diagnosi e la cura dell’endometriosi. Garantisce inoltre le attività in campo ostetrico con l’ambulatorio gravidanza dedicato alle future mamme, con 4 sale parto. Nel 2011 in Ospedale sono stati effettuati 1.249 parti. In ambito ostetrico, 500 interventi chirurgici, quasi 1.500 ricoveri e oltre 2.500 visite ambulatoriali.

(04 gennaio 2012)
Argomenti: Sanità