Confindustria Modena
Lavoro
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
detassazione

Confindustria Modena firma l'accordo con Cgil, Cisl e Uil

L'intesa consente ai dipendenti delle aziende associate all'associazione di via Bellinzona di accedere all’imposta sostitutiva del 10 per cento sulle componenti accessorie della retribuzione

Giovedì 22 dicembre è stato firmato l'accordo territoriale tra Confindustria Modena, Cgil, Cisl e Uil che consente ai dipendenti delle aziende associate di accedere all’imposta sostitutiva del 10 per cento sulle componenti accessorie della retribuzione.

Questo accordo, riprendendo il canovaccio dell’intesa sottoscritta a livello nazionale martedì 20 dicembre, consentirà di riconoscere, anche per il 2012, l’agevolazione fiscale per i trattamenti retributivi previsti per lavoro supplementare, straordinario, in turni, notturno, festivo, domenicale e per qualsiasi altro istituto disciplinato dai singoli contratti nazionali di categoria.

La detassazione degli emolumenti relativi alla produttività aziendale, per essere effettivamente applicabile nel 2012, deve aspettare l’emanazione di un decreto della presidenza del Consiglio che individui i parametri di riferimento (plafond massimo detassabile, reddito di accesso).

L’accordo, come già accadeva nel 2011, prevede la possibilità per le imprese di estendere il beneficio fiscale anche alle sedi o agli stabilimenti situati al di fuori della provincia di Modena.

«Accogliamo con grande soddisfazione la firma di questo accordo con i sindacati», sottolinea il direttore di Confindustria Modena Giovanni Messori. «Senza alcun aggravio per le imprese, che da questa intesa ricevono uno stimolo per la produttività, c’è la possibilità di incrementare gli stipendi dei lavoratori e pertanto di rafforzarne il potere d’acquisto. Si tratta di un messaggio positivo che nel suo piccolo sostiene e incentiva l’economia del nostro territorio».

(23 dicembre 2011)
Argomenti: Sindacale