Confindustria Modena
Estero
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
energia

Cpl Concordia Group sbarca in India

Il gruppo modenese è entrato nel mercato indiano creando la Cpl Energy India Private Limited. La neonata società investirà nei primi due anni di attività circa cinque milioni di euro

Roberto Casari, presidente di Cpl Concordia GroupCpl Concordia sbarca in India. Il gruppo modenese è entrato nel mercato indiano creando una società, la Cpl Energy India Private Limited, per esportare direttamente tecnologia e know-how nella distribuzione del gas e nella produzione di energie da fonti rinnovabili.

Cpl Energy India Private Limited, costituita nel settembre 2010 con la firma dell'accordo di Joint Venture con Gems Private Limited (società indiana attiva nel campo dei servizi e della manutenzione), ha sede a Nuova Delhi. Nei primi due anni di attività in India sono previsti investimenti da parte di Cpl Concordia Group pari a 5 milioni di euro. In questa fase iniziale, gli uffici di Nuova Delhi sono occupati gli addetti della struttura tecnica e commerciale.

Tra i principali obiettivi vi sono la diffusione sul territorio indiano dei servizi a valore aggiunto di Cpl (in primo luogo quelli destinati ai distributori di gas), la partecipazione, unitamente ai maggiori player locali, alle gare per la distribuzione del gas e alla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, biogas e fotovoltaico in modo particolare.

«Cpl Concordia Group», spiega il presidente Roberto Casari, «ha sviluppato un importante piano di internazionalizzazione per acquisire all'estero entro i prossimi 10 anni la quota del 30 per cento del suo fatturato. L'interesse sull'India è iniziato nel corso del 2009, con l'analisi dei fabbisogni energetici del mercato interno e, a fronte di un piano di sviluppo imponente previsto dal governo, abbiamo deciso di esportare in Asia i servizi a valore aggiunto che la nostra cooperativa già propone».

Il governo indiano ha lanciato nei mesi scorsi una campagna di metanizzazione senza precedenti: oltre 300 città, mediamente oltre i 500.000 abitanti ciascuna. I progetti devono essere realizzati nei prossimi tre anni. L'India, a seguito degli accordi per la riduzione delle emissioni di CO2 a livello mondiale, ha instaurato un programma di utilizzo di fonti alternative per la produzione di energia elettrica.

Il gruppo modenese sta accelerando il proprio sviluppo industriale all'estero (dove è già presente in Romania, Grecia, Algeria, Tunisia e Argentina con oltre 120 lavoratori) e l'India rappresenta una delle prime tappe importanti previste in Asia.

Cpl Concordia Group, nonostante il periodo di crisi internazionale, registra tassi di crescita nel fatturato e nell'occupazione, in controtendenza con i dati nazionali che vedono principalmente le industrie ridurre ricavi e personale. I dati del bilancio consuntivo al semestre e del previsionale di chiusura del 2010 consentono già di identificare i trend di crescita: +15,7 per cento del fatturato e +8,6 per cento delle assunzioni.

L'incremento del fatturato consolidato passerebbe dai 318,3 milioni di euro del 2009 ai 368,3 milioni di euro del 2010.

Per quanto riguarda l'occupazione, la cooperativa modenese al 30 settembre 2010 ha toccato quota 1.221, con un incremento dell'8,6 per cento rispetto al 2009, pari a oltre 100 persone assunte. Nel complesso le 45 società di Cpl Concordia Group contano attualmente 1.500 lavoratori.

(26 ottobre 2010)