Confindustria Modena
Opinioni
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
confindustria Emilia-romagna

Anna Maria Artoni: «Segnali di ripresa, ma crescita lontana»

Se la produzione è cresciuta in volume del 2,2 per cento preoccupa ancora l'occupazione: nel primo semestre 2010 le ore autorizzate di Cig sono salite a 14 milioni e 980 mila rispetto alle circa 13 milioni e 414 mila dei primi sei mesi del 2009

Anna Maria ArtoniRispetto al secondo trimestre del 2009, in Emilia-Romagna la produzione è cresciuta in volume del 2,2 per cento, in controtendenza rispetto al trend negativo dell'11,1 per cento riscontrato nei dodici mesi precedenti. Stessa dinamica per il fatturato che è aumentato in valore del 2,6 per cento, a fronte della sostanziale stazionarietà dei prezzi praticati alla clientela (-0,1 per cento). Analogo andamento per gli ordini, che sono apparsi in crescita del 2,3 per cento. Un'iniezione di fiducia arriva dalle esportazioni, cresciute nel secondo trimestre 2010 di oltre il 19 per cento.

Segnali ancora preoccupanti vengono invece dai numeri dell'occupazione. La Cassa integrazione guadagni continua a rimanere su livelli altissimi: diminuisce quella ordinaria, soprattutto perché le imprese avendone già usufruito per la durata massima non vi possono più accedere, mentre aumentano quella straordinaria e quella in deroga. Nel primo semestre 2010 le ore autorizzate di Cassa integrazione guadagni di matrice anticongiunturale dell'industria in senso stretto sono salite in Emilia-Romagna a 14 milioni e 980 mila, rispetto alle circa 13 milioni e 414 mila dei primi sei mesi del 2009. Le ore autorizzate per interventi di carattere straordinario sono ammontate a 34 milioni 746 mila, contro quasi dodici volte in più rispetto all'analogo periodo 2009. I soli interventi in deroga hanno superato i 18 milioni di ore autorizzate, a fronte delle circa 477 mila del primo semestre 2009. Al 30 giugno le unità locali interessate alla Cassa integrazione straordinaria o agli ammortizzatori in deroga erano circa 5.500, quasi 74 mila i lavoratori coinvolti.

Secondo i dati Istat nel primo semestre del 2010 in Emilia-Romagna l'occupazione è diminuita di 33.445 unità rispetto allo stesso semestre del 2009, pari ad una flessione dell'1,7 per cento.

«La ripresa appare ancora timida, legata come è all'evolversi del quadro nazionale e internazionale e agli ormai cronici ritardi strutturali che riguardano il nostro sistema», dichiara il presidente di Unioncamere regionale Andrea Zanlari. «Anche se restano ancora al palo la domanda interna e in particolare i consumi privati, in Emilia-Romagna va meglio: la crescita del prodotto interno lordo dovrebbe attestarsi all'1,7 per cento, aumento trainato dalle esportazioni».

Il credito in Emilia-Romagna mostra i primi segnali di recupero (+1,2 per cento sull'anno precedente), con i prestiti alle famiglie che si portano in rapida ripresa (+7 per cento), mentre i prestiti alle imprese si confermano deboli, ma con segni di recupero (-2,3 per cento, rispetto al -2,9 per cento nel primo quadrimestre). In evidenza i prestiti alle imprese più piccole che mostrano chiari segni di miglioramento (-0,2 per cento) rispetto alle imprese più grandi che restano in calo (-4,7 per cento). Più dinamiche nel credito le province di Ravenna (+4,3 per cento) e Forlì-Cesena (+3 per cento), mentre Bologna è la più debole per le imprese (-6,1 per cento) e tra le più forti nel credito alle famiglie (+8,1 per cento). Le difficoltà del ciclo recessivo hanno indotto anche in Emilia-Romagna un significativo deterioramento della qualità del credito, ma nel secondo trimestre il flusso di nuove sofferenze in rapporto ai prestiti si è ridotto all'1,9 per cento (dal 2,1 per cento).

«È ragionevole attendersi nei prossimi mesi», dichiara Gregorio De Felice, responsabile Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, «un recupero del credito alle imprese dell'Emilia-Romagna. Prevediamo un progressivo recupero per fine anno e una ripresa più evidente nel 2011-12. Superata la fase di emergenza della recessione economica, le politiche creditizie delle banche confermano l'impegno a sostenere la crescita e lo sviluppo del sistema produttivo, in un contesto internazionale estremamente competitivo».

«C'è un maggiore clima di fiducia, che però è condizionato da fattori globali di incertezza», afferma la presidente di Confindustria Emilia-Romagna Anna Maria Artoni. «Le buone performance sono dovute soprattutto alla ripresa dell'export, ma la domanda interna resta debole. Appare ancora lontano il recupero dei livelli precrisi e, soprattutto, rimane delicata la situazione occupazionale, specie per quanto riguarda l'ingresso al lavoro dei giovani».

Il 38 per cento degli imprenditori, secondo la rilevazione previsionale semestrale di Confindustria regionale su 760 imprese, che integra l'indagine Unioncamere Emilia-Romagna, si aspetta nella seconda parte del 2010 un aumento della produzione, il 47 per cento prevede stazionarietà e il 15 per cento ha aspettative di riduzione dei livelli produttivi. Il saldo ottimisti-pessimisti è di 22,7 punti, decisamente migliore rispetto al 5,2 di inizio anno. Sono migliori le aspettative delle imprese di medio-grandi dimensioni. Anche le aspettative sulla domanda sono migliorate rispetto all'ultima rilevazione: circa un imprenditore su due si aspetta una stazionarietà degli ordini, sia esteri sia interni, mentre il saldo ottimisti-pessimisti è di 17 punti per quelli totali e di 21 per quelli esteri. Meno ottimistiche le previsioni sui livelli occupazionali: quasi l'80 per cento delle imprese prevede che l'occupazione rimarrà stazionaria.

In questa fase di debole ripresa gli interventi di politica industriale assumono particolare rilevanza. «La Regione, malgrado le restrizioni imposte dalla manovra finanziaria», conclude Artoni, «non potrà far mancare il suo supporto alle imprese, facendo ogni sforzo per dare continuità alle azioni messe in campo in questi anni. Le priorità verso le quali concentrare il massimo impegno a tutti i livelli sono ancora una volta innovazione e internazionalizzazione. La prospettiva di agganciare la ripresa deve coinvolgere tutti i soggetti economici: anche il sistema creditizio è chiamato ad atteggiamenti coerenti, proattivi e funzionali al sostegno dei progetti di crescita delle imprese».

(06 ottobre 2010)
Argomenti: Confindustria, Credito