Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
solidarietà

Con Rcm un Natale diverso a Nataon

L'azienda di Casinalbo ha deciso di devolvere una quota del suo budget natalizio alla "riabilitazione" di un pozzo per l'acqua potabile in un villaggio del Burkina Faso

Il sito web di "Bambini nel deserto"Il prossimo Natale, con l'appoggio dei suoi clienti, Rcm devolverà una quota del suo budget natalizio a favore dell'organizzazione umanitaria modenese "Bambini nel deserto".

«Tra le tante possibili associazioni con scopi umanitari», afferma l’azienda di Casinalbo produttrice di motoscope per la pulizia industriale, «abbiamo scelto la Onlus Bambini nel Deserto perché è vicina a noi di Rcm non solo in termini geografici, avendo la sede principale proprio a Modena, ma anche nel modo molto concreto e diretto di operare».

Lo scopo di questa onlus-ong è dare aiuto alle famiglie e alle comunità che vivono nel deserto. «Il progetto che abbiamo deciso di finanziare prevede la riparazione della pompa di un pozzo per l'acqua potabile nel villaggio di Nataon in Burkina Faso».

Grazie al pozzo sarà possibile eliminare le patologie gastrointestinali che affliggono questa comunità, e particolarmente i bambini, i quali consumano acqua non potabile e batteriologicamente inquinata.

I sorrisi di questi bambini sono stati immortalati dai volontari dell'associazione che il prossimo gennaio si recheranno di nuovo a Nataon per seguire i lavori di costruzione del pozzo. Lo stato d'avanzamento dei lavori è visibile sul sito di "Bambini nel deserto".

«L'idea di portare un aiuto concreto a questi bambini», sottolinea Rcm, «ci riempie di gioia e ci offre un motivo in più per affrontare il Natale con il sorriso sulle labbra. Questa gioia la condividiamo con tutti i clienti che ci hanno sostenuto e diamo appuntamento a tutti nel 2011 per festeggiare l'inaugurazione del pozzo con le immagini che ci manderanno i volontari di "Bambini nel deserto"».

(10 dicembre 2010)
Argomenti: Cultura