Confindustria Modena
Stampa l'articolo

Come fare domanda

Le domande per accedere al Fondo Innovazione dovranno essere inviate attraverso il sito www.fondoinnovazione.it a partire dal 6 settembre e fino al 24 settembre, compilando un apposito modulo on line.

È anche possibile firmare digitalmente la domanda. Le imprese sprovviste di firma digitale possono ottenerla gratuitamente rivolgendosi alla Camera di Commercio (dal lunedì al venerdì dalle ore 11 alle ore 12 o telefonando ai numeri 059/208374-375-376).

Successivamente all'inoltro della domanda un comitato tecnico provvederà entro 45 giorni a valutare i progetti rispetto alla fattibilità e al contenuto in innovazione.

Le banche che hanno aderito al Fondo (Unicredit Banca, Banca popolare dell'Emilia Romagna, Banca Popolare di Verona-San Geminiano e San Prospero), insieme ai consorzi fidi valuteranno l'affidabilità e la finanziabilità dell'impresa.

I Consorzi fidi locali dell'artigianato e industria aderenti al Fondo (Cofim Confidi Modena e Unifidi Emilia-Romagna) concorrono, con garanzie del 30 e del 50 per cento del finanziamento, a ridurre i tassi di interesse finali.

Inoltre, grazie a un'intesa formalizzata con la nascita del Modena Confidi Network, i consorzi garanzia fidi hanno attivato una stretta cooperazione per la gestione del Fondo, affidata a Cofim, e per l'assistenza alle imprese.

Per essere ammesse al finanziamento, le imprese devono superare due fasi di valutazione: la prima sul contenuto tecnico di innovazione, la seconda sulla fattibilità e affidabilità finanziaria da parte di banca e confidi.

Una volta avuta la comunicazione di aver superato entrambi gli step di valutazione, l'impresa ha tempo 12 mesi (più un'eventuale proroga di sei) per realizzare e concludere il progetto e rendicontare le spese.

L'erogazione del mutuo avviene dopo la realizzazione del progetto e l'esame della documentazione di spesa. L'impresa ha comunque la possibilità di richiedere alla banca e confidi prescelti un prefinanziamento, alle medesime condizioni e senza oneri accessori. Sono inoltre ammesse spese già sostenute nei sei mesi precedenti la presentazione della domanda, per un importo non superiore al 30 per cento del totale del progetto.

(28 giugno 2010)