Confindustria Modena
Opinioni
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
bando isi inail 2010

Confindustria Modena: «Click Day, procedura fallimentare»

A quasi una settimana dall'assegnazione degli incentivi alle imprese in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro, la lista dei delusi cresce. Il bando anche se non intenzionalmente si è trasformato in una roulette "truccata"

Giovanni MessoriA quasi una settimana dal Click Day relativo all'operazione Isi Inail 2010 (per l'assegnazione degli incentivi alle imprese in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro), la lista dei delusi è sempre più lunga.

Se in tutta Italia i progetti ammessi sono stati 1.438, in Emilia-Romagna le domande accettate dall'Inail sono state 102, di cui soltanto 13 provenienti dalla provincia di Modena.

La procedura telematica allestita il 12 gennaio 2011 alle ore 14 ha mostrato parecchie smagliature. E a riconoscerlo è lo stesso ente che sul proprio sito internet parla di «sette minuti di "black-out" che hanno reso il servizio indisponibile per chiunque». Per precisare poco oltre: «Al termine della giornata, il traffico registrato è stato di oltre 12 milioni di accessi, con valori mediamente triplicati rispetto a quelli medi giornalieri presenti sull'intero portale Inail».

Nonostante le giustificazioni ufficiali di Inail, però, c'è una lista di scontenti trasversale alle maggiori associazioni imprenditoriali del Paese. E tra queste figura anche Confindustria Modena.

«È a dir poco sconcertante la vicenda del Click Day Inail», afferma il direttore di Confindustria Modena Giovanni Messori. «I 4 milioni di euro stanziati per la Regione Emilia-Romagna, su un plafond nazionale di 60 milioni di euro, sono stati bruciati in pochi minuti. E quelle poche imprese modenesi che sono riuscite a portare a compimento la procedura sono rimaste con un pugno di mosche».

Il bando, che contemplava l'obbligo di inoltro delle domande unicamente tramite Internet, anche se non intenzionalmente si è trasformato in una roulette "truccata". La struttura informatica allestita per il Click Day, di fatto, ha penalizzato non tanto e non soltanto le aziende con i "sistemi informativi" più obsoleti ma anche e soprattutto quelle imprese localizzate in aree geografiche più svantaggiate dal punto di vista delle dorsali internet.

«Il bando indetto dall'Inail è un'iniziativa encomiabile, ma la gestione informatica del Click Day è fallimentare su tutta la linea», conclude Messori. «Lo strumento del Click Day, d'altra parte, è già stato stigmatizzato da Confindustria nazionale in occasione di un'iniziativa analoga per il credito di imposta "Ricerca & sviluppo". Allora, come oggi, il processo informatico ha prodotto difficoltà di accesso, confusione e malcontento».

(17 gennaio 2011)
Argomenti: Confindustria