Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
finale emilia

Cigaimpianti, 30 anni e ancora tanti progetti

Lunedì 30 aprile l'azienda metalmeccanica taglia l'importante traguardo. Nel giorno dei festeggiamenti l'inaugurazione del nuovo stabilimento accanto alla sede storica di via Miari 23

Da sinistra, Flavio Fallarini e Claudio Sabatini

Lunedì 30 aprile sono 30 anni tondi tondi di onorata carriera per Cigaimpianti. L’azienda di Finale Emilia, specializzata nel montaggio e nella manutenzione di macchine, impianti e automazioni industriali, festeggia inaugurando il nuovo stabilimento di via Miari 25. Uno stabilimento che si colloca accanto alla sede storica di via Miari 23 e che tra officina, magazzino e uffici, conta quasi 4 mila metri quadrati di superficie.

Il business di Cigaimpianti, inizialmente ristretto alla province limitrofe, guadagna poco alla volta il rispetto e la stima dei mercati extraregionali, europei e infine mondiali. «Ci rivolgiamo a due grandi gruppi di “utenti industriali”», spiegano i due soci fondatori Claudio Sabatini e Flavio Fallarini, «da una parte i costruttori di macchine e impianti e dall’altra gli stabilimenti di produzione. Operiamo nei settori meccanico, ceramico e alimentare».

Tante le aziende servite dal 1982 a oggi. Rigorosamente in ordine alfabetico, eccone alcune: Acma Gd, Amarena Fabbri, Apicom, Atlas Concorde, Barbieri&Tarozzi (prima che si fondesse con Siti), Barilla, Berco Thissen Group, Caterpillar, Faral, Fava Impianti, Granarolo, Marazzi, Marposs, Menù, Panaria, Parmalat, Sacmi, Sidel, Sima, Sir, Titan Italia e Vm Motori.

«Poi», continuano Sabatini e Fallarini, «quasi per scherzo, noi stessi abbiamo cominciato a costruire macchine automatiche per conto dei nostri clienti: a fine 2006, a Maranello, prende vita Enterprise».

Sempre in questo periodo, «inizia una collaborazione molto stretta fra Cigaimpianti e Sima di Formigine per poi estendere la partnership ad altre aziende nell’orbita di Sacmi Group. A seguire, nel 2010, nasce l’officina Cigaimpianti di Fiorano e nel 2011 avviene il trasloco, sempre a Fiorano, in un capannone più grande di circa 2 mila metri quadrati».

Nella peggior crisi degli ultimi 60 anni nel nostro Paese, sembrano voler testimoniare i due soci, Cigaimpianti ha trovato il coraggio di «investire e di farsi trovare pronta per una ripresa che, un po’ di ottimismo è d’obbligo, siamo sicuri non tarderà ad arrivare». Oggi Cigaimpianti Group (Cigaimpianti ed Enterprise) occupa oltre 90 persone.

(20 aprile 2012)
Argomenti: Metalmeccanico