Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
l'anniversario

Chiarli, 150 anni ben portati

La storica azienda vitivinicola di Castelvetro ha festeggiato il suo prestigioso anniversario a Villa Cialdini, insieme a produttori e ristoratori della zona. Ospite d'onore lo chef Massimo Bottura

Anselmo e Mauro Chiarli. Sopra di loro il fondatore CletoCon un tripudio di gusti, sapori e profumi tipici del territorio modenese, presso Villa Cialdini di Castelvetro (sede della società agricola Cleto Chiarli), si è festeggiato il 150° anniversario dalla fondazione dell'azienda.

Noti produttori e ristoratori del modenese, insieme ad amici e collaboratori dell'azienda, si sono ritrovati per festeggiare insieme alla famiglia Chiarli questo importante traguardo.

Una giornata di festa e tavole imbandite dunque, con le postazioni di Antica Ardenga, Primo Salame, Prosciuttificio Ghirardi Onesto, Antica Madia, Cioccolato Sicomoro, Guffanti, Hombre, Fieschi e le aziende agricole La Baita, la Caffetteria Giusti, il Wine Bar Moreali. Ospite d'onore della giornata lo chef Massimo Bottura, che ha presentato agli ospiti con alcuni piatti speciali.

«Questo è un momento privilegiato per rivisitare la nostra storia», ha commentato Anselmo Chiarli, «e abbiamo voluto condividerlo con tutti gli amici e, in senso lato, con l'intero territorio emiliano a cui la nostra realtà è indissolubilmente legata. In questi 150 anni di storia Chiarli il ruolo della famiglia è stato fondamentale. In famiglia sono maturate idee e scelte importanti che nel corso degli anni hanno contribuito a far crescere l'azienda arricchendola di valori ed energie. Riconoscere e celebrare la solidità delle nostre radici deve servire soprattutto ad aiutarci a guardare alla strada davanti a noi: l'azienda si prepara oggi ad affrontare il domani con l'inserimento della quinta generazione, già presente in azienda con Carlo, primogenito di Mauro, che dovrà confrontarsi con le molteplici realtà vitivinicole e i nuovi mercati».

L'azienda nasce nel 1860 per opera di Cleto Chiarli che prima di allora gestiva nel centro di Modena la trattoria dell'Artigliere. Da sempre gestita dalla famiglia Chiarli, dispone di sette tenute agricole per un totale complessivo di più di 420 ettari di proprietà dei quali circa 140 coltivati a vigneto e due cantine, la storica "Chiarli 1860" a Modena e la "Cleto Chiarli" a Castelvetro.

(05 luglio 2010)
Argomenti: Agroalimentare