Confindustria Modena
Economia
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
assolatte

C'è tanto bianco nel biologico italiano

Latte e yogurt sono 2 dei primi 3 prodotti biologici più acquistati in Italia. E le vendite di latticini bio continuano a crescere a tassi superiori al 20 per cento

Secondo le ultime stime di Ismea, riferite al primo quadrimestre 2011, le vendite di latticini biologici sono aumentate di ben il 20,4 per cento rispetto allo stesso periodo del 2010. Una performance addirittura migliore rispetto a quella già molto positiva messa a segno nel 2010, quando le vendite di prodotti lattiero caseario biologici erano cresciute del 13 per cento in un anno.

I latticini bio sono ormai diventati la seconda categoria di prodotti biologici per importanza: rappresentano oltre il 18,6 per cento del valore di tutti i prodotti biologici confezionati venduti in Italia, posizionandosi come la seconda categoria del mercato dietro i prodotti ortofrutticoli freschi e trasformati.

Anche nella classifica dei prodotti biologici più comprati dagli italiani i latticini sono in zona medaglie: il latte fresco si classifica secondo e lo yogurt guadagna il terzo posto, con rispettivamente l'8 per cento e il 5,2 per cento di quota a valore. In 13esima posizione c'è il latte Uht (1,9 per cento) e in 19esima posizione il burro (1 per cento). Per tutti questi prodotti le vendite sono in aumento da anni, con tassi anche a due cifre.

«L'ottima performance dei prodotti lattiero caseario biologici si deve a diversi fattori», commenta Adriano Hribal, consigliere delegato alla presidenza di Assolatte. «Da un lato c'è stata la riduzione dei prezzi al consumo, che ha risposto alle richiesta di convenienza degli italiani, e dall'altra la rassicurazione che viene riconosciuta alla certificazione biologica in termini di salubrità e rispetto per l’ambiente. Molto si deve poi al lavoro svolto dall’industria lattiero casearia, che ha investito sull'innovazione di prodotto e di servizio, per rispondere sempre meglio alle esigenze del consumatore moderno e offrire un'ampia possibilità di scelta».

(10 settembre 2011)
Argomenti: Agroalimentare