Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
vitivinicoltura

Cavicchioli cede un ramo d'azienda a Giv

Dal 1° gennaio 2011 Gruppo Italiano Vini acquisirà lo stabilimento di San Prospero e il marchio Cavicchioli. Sandro Cavicchioli: «Ma il "reparto corse" dell'azienda rimane saldamente in mano alla famiglia»

Il Gruppo Italiano Vini di Verona (controllato dal colosso reggiano-modenese Riunite&Civ) e la Cavicchioli U. & Figli Spa hanno raggiunto un'intesa preliminare per la cessione, dal primo gennaio 2011, della cantina di San Prospero, in provincia di Modena, e del marchio Cavicchioli.

Secondo Sandro Cavicchioli, presidente della omonima società, l'accordo «è stato sottoscritto nel segno della continuità, della valorizzazione e dello sviluppo dello storico marchio e dei suoi prodotti».

La cantina Cavicchioli rappresenta dal 1928 un nome di prestigio nella produzione del lambrusco di qualità e un punto di riferimento nella viticoltura del territorio della provincia di Modena. Cavicchioli, fin dalla sua nascita, ha saputo valorizzare e diffondere i lambruschi di qualità Doc modenesi sul mercato nazionale, dove detiene la posizione di leadership, e su quelli internazionali. L'azienda vanta oggi un fatturato di oltre 25 milioni di euro, del quale il 20 per cento all'estero.

«La famiglia Cavicchioli», afferma ancora Sandro Cavicchioli, «continuerà la propria attività nel settore degli spumanti e lambruschi a metodo classico con le aziende Bellei a Sorbara e Castelfaglia in Franciacorta, nonché nella gestione dei vigneti di proprietà, le cui uve continueranno ad essere destinate alla produzione dei vini a marchio Cavicchioli. Per usare una metafora motoristica potrei dire che il "reparto corse" dell'azienda riamane saldamente nelle mani della famiglia».

Corrado CasoliCorrado Casoli, presidente di Gruppo Italiano Vini, sottolinea che «il lambrusco di qualità rappresenta oggi una grande opportunità di sviluppo su tutti i mercati. Il Gruppo Italiano Vini saprà raggiungere nuovi e prestigiosi traguardi per il vitigno Lambrusco e per il marchio Cavicchioli. In quest'ottica Sandro e Claudio Cavicchioli continueranno a collaborare al consolidamento dell'azienda rispettivamente per la parte tecnica e per quella commerciale, mettendo la loro competenza e passione al servizio del gruppo».

Gruppo Italiano Vini è la più importante realtà vitivinicola italiana con un turn over di oltre 300 milioni di euro. Le tenute del gruppo hanno nomi noti che riportano alla mente la storia e la tradizione del vino nel nostro Paese: Formentini nel Collio, Bolla, Santi, Galtarossa e Lamberti in Veneto, Nino Negri in Valtellina, Ca' Bianca in Piemonte, Melini nel Chianti, Bigi in Umbria, Fontana Candida nel Frascati, Terre degli Svevi in Basilicata; Castello Monaci in Salento e Tenuta Rapitalà in Sicilia. Un patrimonio di 1250 ettari di vigneto.

Il 2010 è stato un anno importante per Giv: dopo l'accordo di commercializzazione degli spumanti a marchio Carpenè Malvolti firmato lo scorso 21 aprile, chiude l'anno con l'operazione Cavicchioli.

(27 ottobre 2010)
Argomenti: Agroalimentare