Confindustria Modena
Finanza
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
pmi

Bper, un sostegno alle imprese creditrici della pubblica amministrazione

I crediti vantati dalle aziende nei confronti della pubblica amministrazione saranno coperti con un plafond complessivo di 50 mila euro

La sede della divisione Corporate di BperSi chiama Fincredit Pa ed è il nuovo finanziamento che il Gruppo Bper mette a disposizione delle imprese creditrici della pubblica amministrazione, per sostenerne la liquidità a fronte dei lunghi tempi di incasso (anche oltre i 120 giorni).

Il finanziamento è reso possibile dall’accordo siglato da Banca popolare dell’Emilia Romagna con Sace, la società italiana di assicurazione dei crediti all'esportazione. Con Fincredit Pa tutte le banche del Gruppo Bper metteranno a disposizione delle imprese creditrici della pubblica amministrazione un plafond complessivo di 50 milioni di euro di finanziamenti fino a 24 mesi. In particolare il finanziamento anticipa, con garanzia Sace fino al 50 per cento dell’importo erogato, i crediti vantati dalle aziende nei confronti della pubblica amministrazione, a fronte di singole fatture non scadute di importo compreso tra 150.000 e 2.500.000 euro (Iva non finanziabile).

L’accordo stipulato fra Bper e Sace consente inoltre condizioni economiche più competitive nel caso di crediti notificati dalla Banca alla pubblica amministrazione ed espressamente accettati da quest’ultima. «Questo accordo con Sace testimonia una volta di più l’attenzione che il Gruppo Bper sta riservando alle imprese in un momento congiunturale difficile», afferma Corrado Savigni, direttore Corporate di Bper. «Siamo perfettamente consapevoli delle notevoli tensioni sulla liquidità che le pmi stanno soffrendo, a maggior ragione quelle che si trovano a operare con la pubblica amministrazione, i cui tempi di pagamento sono purtroppo assai dilazionati. Fincredit consente di ottenere finanziamenti aggiuntivi rispetto alle linee di credito già in essere e sono certo contribuirà ad alleggerire i problemi di liquidità di numerosi nostri clienti».

(25 gennaio 2010)
Argomenti: Credito