Confindustria Modena
Finanza
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
l'accordo

Bper-Bei, più credito alle pmi

Circa 300 milioni di euro saranno destinati a progetti delle piccole e medie imprese relativi al campo dell’energia, dell’ambiente e del capitale umano

Corrado Savigni, direttore Corporate di BperBanca popolare dell’Emilia Romagna ha concordato con Banca europea per gli investimenti (Bei) una linea di credito pari a 300 milioni di euro da destinare alle piccole e medie imprese che hanno intenzione di investire nei campi dell’energia, dell’ambiente e del capitale umano.

Una parte del plafond (150 milioni di euro) verrà destinata a Sardaleasing, società del Gruppo Bper attiva su tutte le tipologie di leasing. Beneficiari delle operazioni di finanziamento saranno pmi aventi qualsiasi natura giuridica con sede in Italia e operanti nei settori dell’agricoltura, industria, servizi, commercio e turismo. Saranno sostenuti progetti da realizzarsi nel territorio della Repubblica italiana.

«Questa nuova operatività che si è strutturata con Bei testimonia l’impegno che Bper ripone nel sostegno alle imprese del territorio», afferma Corrado Savigni, direttore Corporate di Bper. «L’accordo con Bei affianca altre recenti iniziative analoghe sviluppate sia centralmente che in tutte quelle aree geografiche in cui il Gruppo è presente, riaffermando il ruolo di Bper quale punto di riferimento privilegiato per imprese e imprenditori».

Bper infatti è stata tra le prime banche italiane a introdurre la finanziabilità al 100 per cento con fondi Bei. Per Filippo Zito, responsabile del Servizio finanziamenti speciali, «questo nuovo accordo riafferma l’elevata qualità del servizio finanziamenti di Bper, capace di operare ad ampio spettro e con modalità spesso innovative ritagliate sulle esigenze dell’impresa cliente».

(12 gennaio 2010)
Argomenti: Credito