Confindustria Modena
Finanza
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
pagamenti all'estero

Bper premiata da Jp Morgan

L'istituto punta al rafforzamento dell'assistenza alla clientela nel rapporto con i mercati esteri

L'attestato di Jp Morgan consegnato a BperUn ottimo livello di operatività estera, con particolare attenzione al trattamento dei pagamenti internazionali. Con questa motivazione, il colosso bancario newyorkese Jp Morgan ha conferito a Bper un attestato di merito. Banca popolare dell’Emilia Romagna è risultata essere l’unica banca del Belpaese (fra quelle convenzionate con Jp Morgan), ad avere, fra i pagamenti inviati all’estero, una percentuale di bonifici perfettamente eseguiti pari al 95 per cento.

«L’attestato di Jp Morgan», afferma il responsabile Mercati internazionali e Sistemi di pagamento di Bper Gabriele Ugolini, «conferma la validità dei modelli organizzativi che abbiamo adottato. Gli accordi conclusi con gli istituti bancari degli altri Paesi e il sostegno che forniamo ai nostri operatori per l’internazionalizzazione fanno il paio con l’ampliamento delle attività di Information technology di Bper Services, la società consortile del gruppo dedicata all’Ict».

Il responsabile Mercati internazionali e Sistemi di pagamento di Bper Gabriele UgoliniPer assicurare alla propria clientela la migliore assistenza nel rapporto con i mercati esteri, Banca popolare dell’Emilia Romagna punta molto sul rafforzamento dell’International care. «Nella logica di Sepa e della nuova direttiva europea sui servizi di pagamento Psd», conclude Gabriele Ugolini,«ci stiamo attrezzando per proporre nuovi progetti e iniziative che possano soddisfare i nostri clienti». Bper è direttamente presente in Lussemburgo, con la propria controllata Bper Europe International e in Irlanda, mediante Emro Finance Ireland. Ha inoltre uffici di rappresentanza a Hong Kong e Shanghai e detiene partecipazioni in diversi istituti di credito dell’Est Europa, presso i quali sono operativi i cosiddetti “italian desk”, gli sportelli dedicati all’assistenza alla clientela sui mercati esteri.

(03 agosto 2009)
Argomenti: Credito