Confindustria Modena
Società
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
palazzo pio

Xilografie griffate Blumarine

Ugo da Carpi, uno dei protagonisti del Rinascimento italiano, torna nella sua città con una mostra sponsorizzata da Anna Molinari

Diogene nella xilografia di Ugo da CarpiUgo da Carpi e Anna Molinari, due realtà solo in apparenza lontane. Gli oltre cinque secoli che si sono sedimentati tra l’ideatore della xilografia a chiaroscuro e l’ideatrice della griffe Blumarine, non sono bastati per spezzare quel filo ideale che lega queste due personalità: la passione per il bello e il gusto della ricerca.

Proprio nello showroom milanese di Blumarine, si è tenuta la presentazione della mostra dedicata all’opera di Ugo da Carpi che da qualche giorno è allestita a Palazzo dei Pio. Si tratta di una settantina di opere, tra fogli xilografici, chiaroscuri, illustrazioni librarie del primo Cinquecento e un’antica preziosissima matrice in legno incisa, provenienti da istituzioni italiane e straniere.

«Riscoprire le radici di Ugo da Carpi», afferma Anna Molinari, «rappresenta una grande opportunità culturale per la nostra città. Carpi ha l’occasione di conoscere l’opera completa di un importante protagonista della cultura del Cinquecento italiano che ha avuto contatti con i più significativi artisti del suo tempo. Le illustrazioni che ha realizzato mettono in luce la sua straordinaria abilità di incisore di tavole e ci restituiscono capolavori dell’arte figurativa rinascimentale che sarà un piacere poter ammirare per la prima volta. La mostra conferma inoltre Carpi fra i luoghi di approfondimento e valorizzazione di un ramo specifico dell’arte, quello della xilografia, che ha nella storia e nei personaggi della città una forte connotazione identitaria».

La mostra, aperta fino al 15 novembre e accompagnata da un catalogo, è stata realizzata con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e in collaborazione con Blumarine, Abitcoop, Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Cmb, Unipol assicurazioni. Per informazioni: www.palazzodeipio.it.

(14 settembre 2009)
Argomenti: Cultura