Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
infrastrutture

Autostrada Cispadana, via libera in Regione

L'investimento complessivo sarà di oltre 1 miliardo e 150 milioni di euro, di cui quasi un miliardo a carico di privati. La Regione è impegnata per 179,7 milioni

È stata firmata dalla Regione Emilia-Romagna e dalla società Autostrada regionale Cispadana (che realizzerà e gestirà l'infrastruttura) la convenzione per la Cispadana. L'investimento complessivo sarà di oltre 1 miliardo e 150 milioni di euro, di cui quasi un miliardo a carico di privati (la Regione è impegnata per 179,7 milioni).

Il tracciato della Cispadana percorrerà trasversalmente, con direzione ovest-est, il quadrante nordorientale della pianura emiliana, attraversando le province di Reggio Emilia, Modena e Ferrara. Tredici i Comuni complessivamente interessati dall'infrastruttura: Reggiolo e Rolo in provincia di Reggio Emilia; Novi, Concordia, San Possidonio, Mirandola, Medolla, San Felice sul Panaro e Finale Emilia in provincia di Modena; Cento, Sant'Agostino, Poggio Renatico e Ferrara in provincia di Ferrara.

La Cispadana è stata prevista negli strumenti di pianificazione regionale per rispondere a un'esigenza di razionalizzazione della rete al servizio del territorio attraversato, ma anche come elemento di connessione tra i principali itinerari nord-sud del Paese: l'infrastruttura intercetta infatti le direttrici dell'A1/Autocisa (attraverso la sua prosecuzione verso ovest come viabilità ordinaria non autostradale), dell'Autobrennero, dell'A13/E55 e, attraverso quest'ultima, dell'E45/A14. Pertanto può essere considerata come un'alternativa all'asse centrale del corridoio via Emilia (A1/A14).

«Un ottimo risultato», ha commentato il presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani, «frutto di un lavoro lungo e impegnativo. La Cispadana è un'opera prioritaria nella programmazione regionale; il confronto con i territori continuerà nel merito, a partire dalle amministrazioni locali: a noi interessa, prima di tutto, fare bene. E garantire il massimo impegno e la massima collaborazione per rafforzare sempre più la capacità e la competitività del sistema regionale».

L'assessore alla Mobilità e Trasporti Alfredo Peri ha parlato di uno «sforzo corale sul quale la Regione ha creduto, crede e investe. Siamo alla prima autostrada regionale, con un percorso di evidenza pubblica durato tre anni. Riguarda territori fondamentali come Ferrara, Modena, Reggio Emilia e anche Parma, ed è connessa alla rete autostradale. Un'occasione storica, quindi, perché consentirà di dare risposte alla viabilità non solo di questi territori ma di tutta l'Emilia-Romagna».

«La firma della convenzione per la realizzazione dell'autostrada regionale Cispadana è finalmente un atto concreto. Ora si parte davvero». Il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini esprime così «grande soddisfazione, perché questa infrastruttura inciderà in maniera significativa sul rilancio competitivo non solo dell'area nord, ma dell'intera provincia. Rappresenta quindi un'opportunità importante, in particolare per il sistema produttivo, ed è per questo motivo che intendo incontrare al più presto i rappresentanti delle associazioni imprenditoriali».

(30 novembre 2010)