Confindustria Modena
Finanza
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
poste italiane

Risparmio, sempre di più i libretti postali

Alla fine di luglio 2011 il loro numero complessivo in provincia di Modena ha superato quota 167 mila

Un vecchio libretto postaleCresce il numero di libretti di risparmio postale in provincia di Modena. Alla fine di luglio 2011 il loro numero complessivo ha superato quota 167 mila. Questo dato testimonia come, nei periodi di difficoltà economica, il libretto postale rappresenti uno strumento sicuro e affidabile che può trasformarsi anche in investimento, dal momento che è esente da imposta di bollo, spese e commissioni.

Ogni mese sono circa 52 mila i pensionati che si presentano agli uffici postali del Modenese per la riscossione del vitalizio e la maggior parte di loro ha scelto di accreditare gratuitamente la pensione sul libretto. In tal modo le somme percepite a titolo di pensione sono disponibili sin dal primo giorno di pagamento e possono essere ritirate interamente o in parte presso qualsiasi ufficio postale. Inoltre per tutti i titolari della Libretto Postale Card che accreditano la pensione c'è un'assicurazione gratuita contro il furto di contante con una copertura fino a 700 euro.

Ma Poste Italiane guarda anche alle giovani generazioni e, con i Libretti Postali per i Minori, aiuta i genitori ad accompagnare i propri figli nel mondo del risparmio, a farli crescere prendendo confidenza con un aspetto significativo della vita quotidiana. I libretti dedicati ai minori sono vantaggiosi e convenienti, ed offrono attualmente un rendimento dell’1,55 per cento lordo.

(16 settembre 2011)
Argomenti: Terziario