Confindustria Modena
Estero
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
ict

Apex si consolida sul mercato cinese

Sono diventati tre i progetti che l'azienda ha chiuso negli ultimi due anni in Cina. Le conoscenze maturate in ambito Sap ne fanno il partner ideale per le pmi che vogliono delocalizzare in Asia

Lo stabilimento Ognibene di SuzhouLa Cina chiama? Apex risponde. Il successo del progetto Sap presso la "Ognibene Hydraulics Components" di Suzhou, stabilimento estero della reggiana "Ognibene Spa" specializzato nella produzione e nell’assemblaggio di cilindri oleodinamici, ha determinato un ulteriore passo avanti di Apex nel mercato cinese.

«Dal punto di vista tecnico», spiega Ilario Benetti, legale rappresentante della società modenese che opera nel settore Ict, «si è trattato di un’estensione del software gestionale Sap, già installato in Italia, nella filiale di Suzhou. Le aree di intervento hanno interessato la produzione, le vendite, gli acquisti e il magazzino. Apex ha anche gestito in autonomia le interazioni fra le funzionalità logistiche e gli aspetti civilistico-normativi cinesi: per il controllo del materiale importato ed esportato, ad esempio, è stato messo a punto un efficace "custom book". La presenza di tecnici della nostra azienda in Cina si è limitata a due sole settimane».

«L’esperienza di Apex nel principale mercato asiatico», ha dichiarato Stefano Rossi, responsabile acquisti Mro del Gruppo Ognibene, «ha consentito di raggiungere l'obiettivo che ci eravamo prefissati attraverso una soluzione ben strutturata e vantaggiosa dal punto di vista economico».

Con il supporto tecnico fornito al Gruppo Ognibene, sono diventati tre i progetti che Apex ha chiuso negli ultimi tre anni nell’area industriale di Suzhou, e altrettante le partnership aziendali avviate. Le conoscenze maturate in ambito Sap permettono ad Apex di fornire progetti "chiavi in mano", con tempi e costi concorrenziali rispetto alle stesse società di consulenza cinesi.

Presente sul mercato cinese dal 2006, Apex rappresenta il partner ideale per le pmi che delocalizzano attività commerciali o produttive, in particolare nella zona di Shanghai. Connettività, sicurezza, selezione dei fornitori locali di software e hardware sono solo alcuni degli aspetti che Apex ha già affrontato con costi di realizzazione e gestione molto contenuti.

Di particolare interesse, infine, risultano essere anche le competenze che Apex ha maturato nel rapporto con fornitori cinesi di macchine industriali, realizzando ex novo o reingegnerizzando software in grado di pilotare apparati installati negli stabilimenti cinesi.

(28 settembre 2009)
Argomenti: Ict