Confindustria Modena
Imprese
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
Imola

Sacmi chiude il 2016 in forte crescita

Il presidente di Sacmi Paolo Mongardi: «Nel 2016 l’Italia si conferma come mercato principale per tutto il gruppo, con oltre 200 milioni di fatturato»

Cresce ancora il Gruppo Sacmi, e chiude il 2016  con un bilancio consolidato di 1,4 miliardi di euro, superando di 40 milioni il 2015 e arrivando a un patrimonio netto di 642 milioni di euro.

Tra le divisioni del gruppo, ottimi risultati arrivano da quelle Ceramics e Closures& containers; la prima che, rappresenta il 70 per cento dei volumi realizzati da Sacmi, ha avuto un ulteriore impulso dal mercato interno e da quello europeo.

Paolo Mongardi, presidente Sacmi«Nel 2016», osserva il presidente di Sacmi Paolo Mongardi, «l’Italia si conferma come mercato principale per tutto il gruppo, con oltre 200 milioni di fatturato, pari a circa il 15% dei volumi complessivi. Segno che l’Italia, e più in generale l’Europa hanno ripreso ad investire in maniera massiccia nel settore».

Accanto alla divisione Ceramics, sono ulteriormente cresciuti i sistemi, sviluppati con Toyota Handling Italia, per la movimentazione e lo stoccaggio delle grandi lastre e le recenti linee di sviluppo Sacmi nel settore Beverage che realizzano l’integrazione totale della linea di produzione, dalla capsula alla preforma, fino a riempimento, etichettaggio, packaging secondario.

Buoni anche i risultati sul fronte occupazionale: nel 2016 ha raggiunto quota 4.247 persone, oltre 2.900 nei soli stabilimenti italiani.

Il 2016 è stato un anno molto proficuo anche dal punto di vista delle acquisizioni e delle inaugurazioni di nuove sedi, come quella di Gaiotto a Piacenza e di Cosmec a Verona, senza tralasciare la nuova filiale Sacmi in Tennessee.

(26 maggio 2017)
Argomenti: Ceramico