Confindustria Modena
Estero
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
londra

Anche Edilteco tra i big di Ecobuild 2012

Fra le prime aziende che hanno confermato la partecipazione alla manifestazione, rilevante la presenza dell’indotto legato alla chimica, al fotovoltaico, manifatturiero e della componentistica. Tra gli espositori anche l'azienda di San Felice

I padiglioni di Ecobuild nel 2011

Ecobuild è la più grande manifestazione mondiale in materia di edilizia ecosostenibile ed energie rinnovabili. Sotto il profilo degli scambi commerciali è la prima nel Regno Unito. La Camera di Commercio Italiana per il Regno Unito, da 3 anni coordina la presenza italiana alla manifestazione. Associazioni d’imprese, distretti industriali, architetti e diverse amministrazioni regionali italiane hanno mostrato nel 2011 le innovazioni e le eccellenze messe in campo per la ricerca e lo sviluppo nel campo energetico e dell’edilizia ecosostenibile.

L'edizione 2012 è in programma dal 20 al 22 marzo presso ExCel, il nuovo quartiere fieristico londinese. Tra i primi espositori, risultano protagoniste le aziende del comparto chimico, quelle legate alla produzione di materiali per l’edilizia (manifatturiero e componentistica), del fotovoltaico e dei software per l’edilizia.

Fra queste si possono citare nomi quali Acca Software, Santa Margherita, Fila Surface Care Products, Brv, Fvg Energy, New Iniflex, Barbieri Rubinetterie Industriali, Edilteco, Gefran, Sunerg Solar, Teta Project, Boilernova, Dartwin, TecnoPlus, Fassa Bortolo, Winkler, Mcz Group, Alubel e Diasen.

Il padiglione italiano nel 2011 ha attirato oltre 100 aziende (10 volte di più dell’edizione del 2010) con oltre 1.300 metri quadrati di superficie espositiva. I settori di primo piano sono stati: materiali da costruzione e accessori (37,8 per cento), le energie rinnovabili (21,6 per cento) e Interior Design (8,1 per cento). Le energie rinnovabili sono cresciute molto grazie anche al nuovo programma di incentivi del governo britannico.

Fitto il programma di conferenze sia dell’edizione 2011 che di quella 2012. L’anno scorso l’attrazione principale è stato il "Nido d'acqua", un prototipo di abitazione costruita esclusivamente con materiali eco-compatibili visitato da 2600 persone in 3 giorni. L'idea trainante del "Nido d'acqua" è stata la conciliazione tra stile di vita di alto livello ed eco sostenibilità. La provenienza dei visitatori era dell’84,5 per cento dal Nord Europa e del 12,4 dall’Italia. La prossima edizione rilancerà ulteriormente su scala mondiale le esperienze italiane nel campo dell’ecosostenibilità, aprendo alle prossime edizioni di Ecobuild in Cina e in India.

(17 febbraio 2012)