Confindustria Modena
Finanza
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
confindustria modena

Al via il Club della Finanza

Mercoledì 25 maggio il primo appuntamento sul rischio del rialzo incontrollato delle materie prime

Il Club è un momento aggregativo interno a Confindustria Modena per l'approfondimento di tematiche di natura finanziaria. Gli incontri si svolgono con la formula della tavola rotonda e con un numero limitato di partecipanti: un moderatore introduce il tema che viene successivamente discusso e analizzato dai partecipanti.

Le attività verranno svolte in collaborazione con Financial Innovations (società di consulenza finanziaria) e con l'Associazione Italiana Tesorieri d'Impresa (Aiti).

«In questi ultimi anni», rileva il responsabile dell'Area Fisco e Finanza Alessandro Rossi, «chi è riuscito a controllare le fonti di rischio e a trovare il giusto equilibrio tra la gestione finanziaria e gli obiettivi aziendali è risultato vincente. Il Club della Finanza è anzitutto un luogo in cui condividere e misurare questo genere di esperienze. Saranno poi le nostre imprese, di volta in volta, a proporre temi e argomenti di discussione. Come per il Club degli Innovatori ci siamo dotati di un sito internet dalla navigazione semplice e intuitiva, un portale da consultare per tenersi aggiornati sulle attività "in cantiere"».

L'adesione, gratuita, è riservata alle imprese associate. Per avere ulteriori informazioni è possibile consultare il sito internet o contattare la segreteria del Club (Patrizia Mangone, Tel. 059 448342 - Mail: clubfinanza@confindustriamodena.it).

Primo appuntamento il 25 maggio
Il primo incontro del neonato Club della Finanza è in programma mercoledì 25 maggio, alle ore 14.30. Si parlerà di materie prime e del rischio del loro rialzo incontrollato.

«In molti settori industriali le variazioni dei prezzi delle materie prime determinano rilevanti impatti sulla redditività operativa fino a compromettere, talvolta, la competitività stessa dell’impresa», sottolinea Rossi. «La valutazione di come, se e quando coprire il rischio di prezzo, gli impatti sulle modalità di determinazione del prezzo di vendita e sui rapporti verso i fornitori, saranno gli argomenti oggetto del tavolo di lavoro».

(17 maggio 2011)
Argomenti: Confindustria