Confindustria Modena
Attualità
ARCHIVIO

Stampa l'articolo
infrastrutture

Al traguardo la bretella
Campogalliano-Sassuolo

Il presidente di Confindustria Modena Pietro Ferrari esprime soddisfazione per l'approvazione del progetto definitivo da parte del Cipe. «Ora è necessario che l'Anas proceda con la pubblicazione del bando e la successiva fase di gara per avviare al più presto i lavori»

Pietro FerrariLa fumata bianca del Cipe all'intero progetto della bretella Campogalliano-Sassuolo è un risultato di rilievo per tutto il territorio provinciale che premia anche Confindustria Modena.

«Siamo soddisfatti di quanto deciso in sede Cipe», conferma il presidente Pietro Ferrari. «Dopo tanti anni di attesa, si tratta finalmente di una dimostrazione di attenzione al nostro territorio che ha assolutamente bisogno di questa opera per recuperare competitività e proseguire nello sviluppo. La bretella è un'infrastruttura indispensabile per il collegamento del distretto ceramico e di tutto il suo indotto allo scalo merci che sta nascendo a Marzaglia. Senza questa arteria Marzaglia correrebbe il rischio di diventare una "cattedrale nel deserto". Per questo abbiamo insistito in tutte le sedi politiche e istituzionali perché si procedesse con celerità al finanziamento dell'opera».

«Il lavoro svolto a tutti i livelli delle istituzioni (dai Comuni coinvolti, alla Provincia, alla Regione) si è dimostrato essenziale per raggiungere questo risultato», commenta Ferrari. «Ma non è ancora finita. Concordo con l'assessore regionale Alfredo Peri che è necessario aprire subito il tavolo di lavoro con Anas per seguire tutto l'iter di pubblicazione del bando e della successiva fase di gara. È indispensabile arrivare al più presto all'avvio dei lavori».

Ferrari ricorda, poi, che il pressing sulla bretella da parte di Confindustria Modena è più che decennale. I contatti fra l'associazione degli industriali modenesi, i ministri che si sono succeduti al dicastero delle Infrastrutture e i vertici dell'Anas si sono fatti sempre più intensi, fino all'ufficializzazione dell'intervento di projet financing a firma degli imprenditori modenesi. «Nel giugno del 2003», ricorda ancora Ferrari, «insieme a Confindustria ceramica abbiamo finanziato la realizzazione del progetto esecutivo, vale a dire l'elaborato che definisce come si svilupperà tecnicamente il percorso della Bretella, con un impegno diretto pari a 670.000 euro».

(22 luglio 2010)