Stampa l'articolo
estero

I giovani di Confindustria Veneto in India con Octagona

A New Delhi, Pune e Mumbai una "business mission" per favorire la crescita del made in Italy nel subcontinente

L’India oggi è il mercato che offre più opportunità di business a livello globale e quello con il maggior tasso di crescita tra tutti i BRIC: l’economia indiana, infatti, ha fatto registrare un +7.6% nel 2016 e nei prossimi anni si svilupperà in maniera sempre più consistente, stabilizzandosi attorno al +7.8%, trainata dalla crescita della classe media, dall’aumento dei consumi domestici e dagli ottimi dati demografici (l’India si configura tra i Paesi più giovani al mondo).

Sulla base di queste premesse, il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Veneto, realtà associativa che raggruppa aziende ed imprenditori di età compresa tra i 18 e i 40 anni, ha organizzato una "business mission" nel subcontinente dal 20 al 24 febbraio.

Nel 2015 l'export veneto in India ha fatto segnare un +13,3%, rispetto al +10,3% nazionale. La "business mission" si è snodata attraverso 5 giornate nelle città di New Delhi, Pune e Mumbai e ha visto la partecipazione di 10 aziende associate al Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Veneto.

Octagona (azienda da circa 15 anni presente in India con sedi a New Delhi e Bangalore, nonchè fornitore accreditato dal Mise, dalla Regione Emilia-Romagna e dalle Regione Lombardia per l’erogazione di servizi di internazionalizzazione) ha supportato il Gruppo Giovani Imprenditori nella preparazione e gestione della missione, occupandosi in particolar modo della selezione delle imprese indiane potenziali partner, e dell’azione di accompagnamento e organizzazione incontri delle 10 aziende associate.

«L'operazione rappresenta un ottimo esempio di quello che dovrebbero fare le aziende italiane», dichiara Alessandro Fichera, amministratore delegato di Octagona, «principalmente per una ragione: l’India può essere considerato come il mercato del futuro e il made in Italy esercita nel Paese asiatico una forte influenza, in particolar modo per quanto riguarda la grande richiesta di tecnologia».

(01 marzo 2017)
‹‹ Torna indietro