EmmeWeb

Stampa l'articolo
innovazione

Supply chain, il network di Crit a convegno

Direttori tecnici, responsabili operativi, key account di quaranta aziende del network Crit si incontrano giovedý 24 novembre presso l'azienda Ima di Ozzano Emilia

Andrea CeciL’incontro, intitolato "L'eccellenza nella supply chain. Nuove sfide per gli scenari di domani", avrà luogo a Ozzano Emilia presso il centro servizi di Ima, gruppo internazionale leader mondiale nella progettazione e produzione di macchine per il confezionamento di prodotti farmaceutici e tea bags.

La giornata sarà divisa in due momenti: nella prima parte verrà realizzato un tavolo di lavoro e confronto, in collaborazione con la società di consulenza industriale The European House Ambrosetti, sul tema dell’eccellenza nella supply chain, e a seguire avrà luogo il consueto incontro annuale tra le aziende del Network fornitori accreditati di Crit, società di Vignola specializzata nell'informazione tecnologica e all'avanguardia nella pratica dell'innovazione collaborativa.

«L'incertezza del quadro macroeconomico e le improvvise variazioni della domanda sono oggi tra le principali cause della difficoltà delle imprese di seguire il mercato», afferma Andrea Ceci, responsabile del Network fornitori accreditati di Crit. «In questo scenario internazionale, le aziende si pongono sempre più domande relative alle capacità di reazione delle loro reti di fornitura. Esiste un modello di riferimento pratico per puntare a una supply chain eccellente? È possibile mantenere l’efficienza della propria rete di fornitura e contemporaneamente rispondere alle richieste di un mercato sempre più competitivo e globalizzato? E quali sono le peculiarità e i limiti delle filiere italiane?».

«Ormai le aziende non giocano più la partita della competitività contando solo sulle proprie risorse interne, ma devono confrontarsi con le principali condizioni del contorno industriale entro cui operano», sostiene Flavio Sciuccati, responsabile dell’area Strategia, politiche e gestione industriale di Ambrosetti ed esperto di Sistemi di aggregazione e Reti tra le filiere industriali. «I mercati attuali chiedono alle aziende di dimostrare sempre maggiore flessibilità e reattività. Al giorno d’oggi le nostre imprese, per rimanere competitive, devono cercare di rendere qualificante la propria posizione all’interno dell’intera supply chain».

L’iniziativa proposta oggi da Crit nasce appunto per creare un confronto tra aziende operanti in diversi settori, ma accumunate della sfida che coinvolge attualmente tutte le reti di fornitura, divise tra il bisogno di eccellenza e la richiesta di una sempre maggiore flessibilità.

Il profilo di Crit
Crit è una Srl nata nel 2000, con la sottoscrizione del capitale sociale da parte di 14 grandi imprese industriali con importanti divisioni di ricerca e sviluppo nella regione Emilia-Romagna. Nel corso di questi anni la compagine sociale si è allargata progressivamente, fino a raggiungere la quota di 26 imprese: Ali-Carpigiani, Alstom, Beghelli, Caprari, Case New Holland, Cefla Group, Cineca, Corghi, Datalogic, Ducati Energia, Ferrari, Gd, Gruppo Cms, Gruppo Fabbri, Hydrocontrol, Ima, Italtractor-Titan, Rossi, Sacmi, Scm Group, Selcom Group, Sitma, System, Technogym, TetraPak e Wam. In una struttura composta da 13 persone e diversi collaboratori esterni, oggi Crit offre servizi di brokeraggio tecnologico, innovazione collaborativa e sviluppo dell’innovazione.

Il Network fornitori accreditati è stato costituito nel 2006 allo scopo di raggruppare i fornitori di eccellenza delle aziende socie di Crit. «Le aziende aderenti», spiega Andrea Ceci, «possono usufruire di diversi servizi, quali l’accesso a seminari, la possibilità di confrontarsi con le altre imprese su tematiche tecnico-scientifiche e l’opportunità di interfacciarsi con le aziende socie Crit».

Per maggiori informazioni: 059776865 - info@crit-research.it.

(20 novembre 2011)
Argomenti: Terziario