EmmeWeb

Stampa l'articolo

Confindustria Modena dona al Policlinico 23 pompe per infusioni chemioterapiche

Il presidente Pietro Ferrari e la vedova Maria Pia Borghi hanno deciso di onorare cosė la memoria di Filippo Borghi, l'imprenditore vicepresidente dell'associazione degli industriali modenesi scomparso a ottobre 2010

Verranno acquistate 23 pompe per infusioni chemioterapiche per la Struttura Complessa di Pediatria a Indirizzo Oncoematologico del Policlinico, diretta da Paolo Paolucci. La donazione è stata ufficializzata da Pietro Ferrari, presidente di Confindustria Modena, lunedì 11 luglio in occasione dell'Assemblea generale dell'associazione, alla presenza del direttore generale del Policlinico Stefano Cencetti e del direttore della Struttura Complessa di Pediatria a Indirizzo Onco-Ematologico Paolo Paolucci.

Pietro Ferrari ha commentato: «È la prima volta in cui ci riuniamo senza di lui. Noi tutti conoscevamo le sue qualità e tra queste in particolare la sua generosità. Per questo, d'accordo con la moglie Maria Pia, e anche a nome del figlio Sergio, abbiamo pensato di acquistare le attrezzature per i bambini ricoverati al Policlinico».

Da sinistra: Pietro Ferrari, Stefano Cencetti, Maria Pia Borghi e Paolo Paolucci

Le 23 nuove pompe permetteranno di sostituire completamente quelle in dotazione all’Oncoematologia pediatrica, rendendole omogenee a quelle già utilizzate al Centro Oncologico Modenese. «Le pompe per infusione», ha spiegato Paolo Paolucci, «sostituiscono la flebo manuale e permettono di dosare elettronicamente il quantitativo di farmaco che viene infuso con una precisione quindi superiore, fondamentale in trattamenti complessi e lunghi come quelli chemioterapici. Per questo motivo le pompe vengono già utilizzate in Oncologia, in Ematologia e in Oncoematologia Pediatrica. Le nuove pompe, acquistate grazie alla donazione di Confindustria, hanno il vantaggio di essere compatibili con il circuito chiuso, cioè una confezione che comprende la sacca e il tubo per la flebo, che la nostra Farmacia prepara in ambiente sterile, per le esigenze dell’Oncoematologia per adulti. Grazie a questa donazione, quindi, tutte le strutture onco-ematologiche dell’azienda avranno a disposizione lo stesso tipo di pompa con evidenti vantaggi nella standardizzazione delle procedure».

«Vorrei esprimere la mia riconoscenza per il gesto di Confindustria Modena e di Maria Pia Borghi che ha permesso al Policlinico di elevare ulteriormente i livelli assistenziali in un reparto particolare e delicato come l’Oncoematologia Pediatrica», ha commentato Stefano Cencetti. «Il fatto che Confindustria Modena abbia inserito questa donazione nell’ambito della sua prestigiosa assemblea generale annuale è per noi significativo perché costituisce un gesto di stima e fiducia nel nostro Policlinico».

(14 luglio 2011)
Argomenti: Confindustria, Cultura